La poesia è un tempio greco

La poesia è un tempio greco:
dalle colonne, ad un remo di pescatori
tratti a riva, scrivo.
Ciuffi di olivi
con devozione salgono il crinale;
le rovine – come saranno desolate! –
vibrano intatte
di luminosa civiltà ;
una traccia ondulata e dolce
affoga l’aria
di gloriosa malinconia,
poiché il poeta ha visto
ciò che il tempio conoscerà
in mille anni:
navi straniere, la guerra ferace,
un liquido, lento abbandono;
la civiltà
disgregata
ad un sopravvissuto avvento
di egemonie lontane.

Il poeta rimane alla colonna
– pare assopito –
ha la coscienza del posto che gli compete
lontano da ciò che muore in cento anni
accanto a chi vedrà  in mille anni
ciò che lui oggi
vede.

>

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se vuoi continuare ad utilizzare questo sito web sfruttandone tutte le potenzialità. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi