Vennero i passi

Vennero i passi
come invitati ad una festa in campagna
su ciottoli lisci di ghiaia
in ogni direzione ed in ogni tempo
erano là per dare forma al sentiero,
non per guidare i viandanti.

Vennero i passi
sull’uscio ventoso e chiaro di legno
come sorrisi sofferti
sospinti da fragili eventi, accolti
in un freddo sepolcro di intenti
e di spiriti spenti.

Vennero i passi
come fogliame spezzato,
nella sala da ballo gli ottoni
generavano note di vento
e spirali di archi avvolgevano i fianchi
in un lento.

>

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se vuoi continuare ad utilizzare questo sito web sfruttandone tutte le potenzialità. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi