Malinconiche presenze

Nel turbinar dei giorni ti addolora
ancella nel silenzio la dimora,
nido paziente il tempo la scolora,
tralcio di vite secca la divora.

Parole che si spengono nel cuore
come trame d’ombra tra gli scuri,
vedo nel geranio il tuo rossore,
foglie cadute danzano sui muri.

Sarai sola a contar passi di danza
sul tombolo annodare vecchio trine,
colmare di profumo la tua stanza,
in un silenzio antico senza fine.

Il ricordo è sole tramontato
è nube che si perde nella mente,
goccia di luna in mare sconfinato,
passione che distrugge lentamente.

Sarò solo ad odiare nuove viole
il tempo ruba e porta sogni altrove,
tra le ginestre guardavamo il sole,
oltre la siepe tristemente piove.

(Raffaele Saba)

>

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se vuoi continuare ad utilizzare questo sito web sfruttandone tutte le potenzialità. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi