Filippo Minacapilli

Filippo Minacapilli  è nato nel 1949 ad Aidone-Morgantina, un’isola linguistica gallo-italica, posta al centro della Sicilia, in provincia di Enna.

E’ stato docente di Scienze Umane in diversi Istituti Superiori.  Fa parte di Associazioni Culturali finalizzate allo sviluppo socio-culturale del territorio.

Collabora con giornali on line, occupandosi prevalentemente di temi sociali e culturali.

E’ stato Giudice Onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Caltanissetta.

Rivela una particolare sensibilità, da siciliano autentico, nell’osservare, nel leggere, nell’interpretare i fatti che traduce con incisività in aforismi, i cui temi spaziano dall’animo umano, alla politica, ai comportamenti sociali.

Egli vive profondamente il suo tempo offrendo significative riflessioni personali con un taglio critico-costruttivo, su importanti fenomeni della società.

Da lucido pensatore e da poeta, ora dai toni forti, ora dai toni sfumati, trasmette il suo modo di essere che oscilla tra sentimento e ragione.

L a sua passione poetica, nata casualmente, si è consolidata nel tempo. Molto apprezzati gli Haiku,  componimenti poetici brevissimi, rappresentativi della cultura giapponese, cui l’autore riserva ampio spazio nella sua scrittura con notevole padronanza della tecnica  e dello stile. Nella ricerca della parola  ne ha scoperto tutta la forza evocativa.

La sua vena poetica scaturisce dal suo intimo sentire e si traduce in versi immediati compiutamente nati da intense emozioni  e da moti dell’animo che appartengono a tutti e, come tali, universali.

Egli stesso dichiara  “Della poesia mi seduce il linguaggio metaforico, la capacità di giungere alla coscienza del lettore perché egli trova a volte nel verso un proprio sentimento inespresso “.

Finalista, al Premio Internazionale “M.Buonarroti” Edizione 2015

Nel 2013 è stato tra i vincitori  del Concorso Premio Internazionale “Tre gocce d’inchiostro” promosso dall’Associazione Italiana per l’Aforisma

Alcune sue poesie sono pubblicate in varie Antologie.

Ha pubblicato:

“Magia di luce in versi” Poesie e Haiku  Edizioni Divinafollia Caravaggio BG2013

“Riflessi d’Acqua” Poesie –Haiku–Aforismi  Bertoni Editore Perugia2016

“Solchi d’inchiostro” –Poesie- Editore Maurizio Vetri  Enna 2018

 

Poesie

Valutazione tecnica stilistica del poeta

Vi è un filo forte nel tessuto poetico di Filippo Minacapilli, la simbiosi dell’astante attonito con la natura circostante, sia essa fisicizzata dalla pura animalità come dalla umanità più intima e solidale ad essa in virtù dell’afflato erotico uomo-donna. Ed è questo soffio vitale intravedibile nelle sue linee poetiche che attira il lettore portandolo in medias res negli scenari fotografici che egli mette in scena con nitidezza da pieni pixel. Se il lettore leggendole si smuove e scuote, vuol dire che il travaso emotivo è garantito e dunque la creazione lirica si compie. Ma, al di là del mero dato contenutistico e sostanziale, Filippo Minacapilli fruisce nelle sue liriche di strutture grammaticali evolute e forme stilistiche non dozzinali, mostrandosi sempre attento e versatile alla variatio sintattica come alle figure retoriche più disinvolte. Certo, tre poesie non danno un quadro esaustivo dell’expertize poetico del soggetto, che va analizzato valutandone la capacità di variare scenari e stimoli emotivi, ma il campione di liriche presentate ci pare sufficiente per validarne forme e contenuti, attendendolo al varco di nuovi sforzi su temi e trame non eminentemente fotografici.

Mariano Grossi

Mariano Grossi, nato a Bari il 18.07.1955, vive ed opera a Bari. Già Ufficiale dell’Esercito, transitato di recente nella posizione di ausiliaria.

Laureato in Lettere Classiche presso la locale Università, è autore di un articolo sull’“Esordio del Mimiamo VI di Eronda” pubblicato nel 1984 sulla rivista specialistica “Rheinisches Museum für Classischen Philologie”.

Numerose le partecipazioni a concorsi letterari con poesie in lingua italiana e vernacolo, con premi in tre edizioni del Concorso Letterario Internazionale “Città di AVELLINO” (“Fede di madre”,“Impalpabile abbraccio”, “U tiimb d l cerase”).

E’ stato recensito in riviste specialistiche quali ”Imperial” e “Avanguardia” ed alcune sue poesie hanno trovato spazio nelle antologie “Fiori e Amori” e “Le Stagioni” della Casa Editrice “Barbieri” di MANDURIA (TA).

>

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se vuoi continuare ad utilizzare questo sito web sfruttandone tutte le potenzialità. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi