Luna

Che fai tu, Luna, nel ciel? Dimmi, ‘chè ridi?
Umile echeggio sono le mie parole
Come del Maestro di Recanati,
Per l’immensa meraviglia che ho di te,
Solitaria ‘bitante d’un frammento di buio
Infinito.

Dimmi,
Cos’è che t’ispira tanta allegrezza?
Così che io lo vada a cercare
Per far del mio riso forzato
Qualcosa di nativo.

È forse il luccichio di quattro barlumi fittizi che ti fascina?
Oh Luna, sì ingenua e remota,
Come candida bimba
Non sai com’è star posati quaggiù,
Dove non esiste strana forza che ti
Mantiene.

Nel mio Cielo, grigio d’asfalto,
Lune s’incalzano e s’acciuffano
Per chi all’astro di fuoco rotondo deve far da specchio.
Indi, attenta osserva,
Ch’è stesso luccichio del Geoide ch’ogni tanto ti fa
Dispetto!

E se così non vedi e sei incanta,
Come fu che un dì agisti per lontanarti?

Ah Luna, dimmi almeno come facesti,
‘Chè mi farebbe sereno lasciarmi cullare lassù, lontano
Dalla danza dei cotoni bianchi
Col venticello a sussurrarmi dolci suoni
Di ninna nanna,
Come quando ti vidi per la prima volta
Fra le braccia di mamma…

A te, insolita Amica, la cara mia causa di male rivelerei
Sicuro di poter dire a persona di cui si ha fido,
Che per insoffribili silenzi preziosi
Fa che io sia ad avere foce.
E solo acqua e pietre la conosceranno.

È creatura del mio mondo
Che per toni e colori dall’altre si scosta.
Nei lunghi tuoi viaggi, certamente l’avrai incontrata,
Forse, come me adesso, a mirarti da una finestrella
Triste.

Di sicuro la ricorderai
Perché speciale:
Affascinante come un’Aurora Boreale,
Come la Via Lattea, come Venere.
E come Venere, per me, Uomo,
Vicina e Irraggiungibile.

Forse non sarà, come te, perpetua
Ma in una cosa di sicuro ti vince:
La sua luce non è data, è Luna che brilla di luce propria.
Della mia Volta Celeste…
…La Stella più Amata.

  • Valerio Pianella ha detto:

    La poesia di Castobello è sincera, scolastica in alcuni passaggi, ma sempre apprezzabile per la spontaneità e per la freschezza del verso…forse la giovane età glielo impone? Mi auguro che questa sua irruente schiettezza gli sia da stimolo e da linfa per una piena maturazione poetica. Il mondo ha bisogno di veder sbocciare poeti.

  • >

    Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se vuoi continuare ad utilizzare questo sito web sfruttandone tutte le potenzialità. Maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi