Bastava un salto

Gli spettri dietro ai cancelli

al mio passare stendevano le mani

urlavano parole antiche                             (riferite al passato)

Come lance trafiggevano il cuore

Una voce dall’alto diceva

– Presto fuggi –

Ascoltavo immobile, alla fine dei cancelli,

il vuoto, nero, un salto bastava

a vivere nel nuovo.

Sangue sulla mia pelle,

lingue dai cancelli leccavano

la mia carne a consumarla

e ossa ricoperte di pelle a brandelli

ero uno spettro dietro ai cancelli,

gridavo parole antiche alla vita.

>

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se vuoi continuare ad utilizzare questo sito web sfruttandone tutte le potenzialità. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi