Bioritmo poetico

É un ritmo binario che parte in levare,
quello del cuore, sul quale danzano
i colori del sangue e della pelle
che non sono quelli rassicuranti della storia dell’arte
che non hanno poesia o dominanze gradevoli,
sono l’inquietante reale riflesso del vero alla luce
duro come un diamante grezzo,
acre come l’odore del petrolio,
o di un vecchio sudore.
Ecco il colore del vero: è violento,
immobile e pesante come il granito.
La realtà è in una pezza di juta
che avvolge un corpo finito
nel freddo di un’antica campana
e che continua a danzare un no dondolato
come impone il carretto di legno ammuffito
sullo sconnesso sterrato e sassoso
che lo porta alla staticità dei morti
e al silenzioso nero del sempre.

>

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se vuoi continuare ad utilizzare questo sito web sfruttandone tutte le potenzialità. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi