Parole d’amore

Parole come perle, che
cadono nel latte. Nel giardino
abbandonato, fruscii di veli e
smorti luccichii rosa e verdastri.
Fantasmi lievi passano fuggenti e silenziosi,
come sfilacci di sogno che vanno alla
deriva. Le note flebili di violini
evanescenti, nella sera d’aprile.
La seta di giuramenti insinceri.
Lo sfarfallio di mille e mille
promesse fatte di vuoto.
Su tutto, i chiaroscuri
del crepuscolo.Aprile 1972

>

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se vuoi continuare ad utilizzare questo sito web sfruttandone tutte le potenzialità. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi